333.5461470
info@ilfilolilla.it

LE PAROLE SONO PIETRE

Genitori e Familiari insieme contro i Disturbi del Comportamento Alimentare

Spesso noi occidentali, che ci riteniamo civiltà evolute, ci scandalizziamo e giudichiamo quelle popolazioni che ancora oggi fanno uso della lapidazione.


Vero, una pratica assolutamente barbara e incivile; ma pensandoci bene noi ci siamo semplicemente evoluti anche in questo, noi lapidiamo gli altri non con le pietre, semplicemente con le parole, con i nostri giudizi superficiali, ma queste parole uccidono più delle pietre e non abbiamo neppure bisogno di ritrarre la mano.


Ricordo mia nonna quando mi diceva: “ne ferisce più la lingua della spada” aveva ragione.


Abbiamo perso l’abitudine di riflettere, di scegliere con cura le parole da dire e da non dire, non ci importa di ferire la sensibilità altrui.
Spesso ci nascondiamo come vigliacchi dietro ad un monitor e iniziamo a insultare, a bullizzare, a distruggere la vita altrui protetti da un video.
Siamo forse migliori di quei popoli che lapidano le loro donne? Non credo.

Ho conosciuto una ragazza dal viso dolce e mi ha raccontato le sue ferite. La sua fisicità importante e i suoi compagni di scuola che hanno strumentalizzato le sue forme morbide per lapidarla.

Sei grassa, fai schifo. Nessuno si sedeva vicino a lei, si avvicinavano dicendo sei grassa e puzzi, non ti si può stare vicino.
Il suo unico scudo era il silenzio, ma quelle parole di pietra, giorno dopo giorno lasciavano sul suo cuore ferite che mai riuscivano a rimarginarsi. Il suo unico rifugio era il cibo, forse per dimenticare il dolore o forse per andare sempre più a fondo e scomparire.

Ha dovuto cambiare scuola per far cessare la sua lapidazione, per rendersi conto che la bellezza non ha peso, la bellezza non ha forma, la bellezza risiede nel nostro cuore anche se è ferito, la bellezza non è perfezione. La bellezza è anima.


Per questo amo le persone che sanno scegliere con cura le parole da non dire.

Cinzia